KUMBHAKA
Spazio Danza

Giovedì 24 giugno, ore 17  | Teatro del Respiro 
Spettacolo programmato da autunno danza/fuorimargine
Spettacolo a pagamento

info & biglietti >>>

Azione performativa ideata e curata da: Momi Falchi
Performer: Chiara Aru, Parwanhe Frei, Francesca Massa, Giulia Vacca 
Progetto sonoro: Giorgia Mascia

Progetto visivo: Laura Farneti e Serena Trevisi Marceddu

Produzione: Autunno Danza/fuorimargine 2021

Durata: 35'

Kumnhaka_LFarneti.jpg

Kumbhaka è il termine sanscrito che indica il momento di sospensione fra espirazione e inspirazione, il frammento di tempo in cui permane l’attesa fra l’immobilità dell’attimo e la tensione all’accadere.


Non la fissità paziente di Penelope che blocca il movimento per attendere lo sposo, archetipo femminile di un immaginario mitico, ma celebrazione della quiete del presente e preparazione fiduciosa di ciò che sta per divenire.


È immobilità in trazione che perfeziona l’assetto, raccoglie l’energia e si dispone a spiccare il volo. È desiderio emozionato di AD TENDERE, raggiungere spazi inesplorati per poi esplodere, generare, farsi padrone del tempo, del fiato, del gesto, dello sguardo.

The moment of suspension between exhalation and inhalation is defined by the Sanskrit term Kumbhaka, that moment of stillness preceeding the tenseness of the action. Not Penelope's patient steadiness that prevents her from moving to wait for the bridegroom, but the celebration of the quietness of the present and the confident preparation of what is about to become.
 
Kumbhaka est su faeddu sànscritu chi indicat su mamentu de sussegu intre espiratzione e inspiratzione, unu bìculu de tempus in ue abbarrat s’isbetu intre de sa chirdinesa de s’iscampiada e sa tensione a su chi est capitende. Non sa firmesa passentziosa de Penèlope chi nde sessat su moimentu pro isbetare a su pobiddu, ma sa celebratzione de s’assèliu de su presente e s’ammàniu afideadu de su chi est acante a devènnere.