MappaAstratta_3.png
Logo_Giornate.png

A Fluminimaggiore e Portixeddu,

la prima edizione delle Giornate del Respiro,

dal 23 al 28 giugno 2021.

 

Performance, laboratori, talk, attività naturalistiche per un festival outdoor e site-specific, che guarda al respiro come condizione di esistenza,  connessione necessaria tra i viventi.

ST_con_2_teatri_Black.png
Gaia, 2019. Fire & Light Falkirk, UK. Ph
Performance, laboratori, talk, attività naturalistiche. Per le Giornate del Respiro agli artisti è stato richiesto di mostrare lavori site-specific, modellati dal confronto con le comunità e il territorio. Al centro, il tema del respiro: suggerito dall’urgenza della contemporaneità, quella del COVID-19 che ha costretto dietro le mascherine, e da una ragione più geografica, data da un territorio in cui la silicosi, per anni, ha contaminato le esistenze dei minatori.
 
Le Giornate del Respiro nascono per creare occasioni di incontro con tutte le fasce della popolazione, con l’obiettivo di aprire residenze per artisti così da offrire loro l’opportunità di conoscere la comunità, per trarne ispirazioni e restituire la gioia di tornare a condividere spettacoli dal vivo. In questo percorso Sardegna Teatro, produttore del festival, viene affiancato da associazioni, enti e partner pubblici e privati del territorio e non solo.
Fluminimaggiore è una perla del territorio che oggi afferisce alla provincia del Sud Sardegna. In uno spazio forse più conosciuto per le sue spiagge – quella di Portixeddu, tanto amata dai dai surfisti che accorrono da tutta l’Isola per domarne le onde – e per alcuni siti archeologici particolarmente apprezzati – come quello del Tempio di Antas – non mancano angoli meno noti, ma non per questo meno suggestivi e preziosi.
Portixeddu.jpg

Domenica 27 giugno / Portixeddu ore 8.30

Guizzìpeda, gara podistico-linguistica di 6 km

(Guizzìpeda, aggettivo antico: che guizza agile e veloce.)

Siete tutti invitati a partecipare a Guizzìpeda, la corsa ideata dall’artista Sabrina D’Alessandro e dal suo URPS (Ufficio Resurrezione parole Smarrite). Accorrete numerosi!

«In questa gara ogni corridore - oltre a misurarsi con la propria resistenza fisica (e il proprio fiato) - indosserà una pettorina con una parola collegata all’idea di respiro, dal punto di vista etimologico ed emotivo.»

La corsa Guizzìpeda, simbolo della vitalità di queste parole, sarà documentata tramite foto e video. In particolare verrà allestito un piccolo set fotografico per produrre ritratti dei corridori, ognuno con la propria pettorina e la relativa parola.

scopri come iscriverti>>>